Allattamento impedito dalle strutture sanitarie?!

come già vi dicevo care amiche, aspetto due gemelli e vorrei tanto poterli allattare senza impedimenti,  dunque, il mio tempo dovrebbe finire il 22 di febb, ma già dal mese scorso si stava pensando a date comprese tra il 20 ed il 25 di gennaio, per intenderci nella 35a settimana..se non ho fatto male i calcoli (oggi sono a 31 sett e 3 giorni), ma a questo punto insorgono i veri dubbi; Cerco di essere chiara, così potrete esserlo altrettanto nella risposta; so che non dovrei stare ad ascoltare le esperienze altrui xkè ogni caso è un caso a sè, ma come non farmi condizionare?! Una mia conoscente è stata costretta ad un cesareo alla 35a sett xkè si è sentita male a distanza di un mese da una brutta febbre, trattata con antibiotici, la bimba è nata prematura, con i polmoni collassati ed ora è a rischio di vita…al gemelli, (dove dovrei subire io stessa il cesareo)…ora mi chiedo: se non sono proprio costretta, vedi rottura del sacco et similia, xkè decidere scientemente, nella migliore delle ipotesi, di far passare ai miei gemelli tanto e tanto tempo in incubatrice?! Altro quesito: un’altra ragazza di mia conoscenza ha subito un cesareo d’urgenza sempre al gemelli, ieri..mentre il suo tempo finiva il 17 di gennaio, quindi non con chissà quale anticipo, ebbene, anche la sua bimba è finita in incubatrice xkè pesa solo 2,7 kg (contro i 2,8 di prassi) quindi, nonostante le rimostranze della mamma, la richiesta esplicita di darle il suo colostro, di poterlo estrarre tramite tiralatte, non hanno sentito ragioni…e giù di glucosate e latte artificiale, nonchè biberon..altro che contagocce!!! Ma non esiste un ente, un tribunale, tipo quello del consumatore cui poter chiedere assistenza? Non li si può denunciare se palesemente compiono atti contrari al benessere del neonato ed alla volontà della madre?! Possibile che non ci si possa far rispettare in nessun modo?! Ed ora un’altra domanda da 1 milione di dollari; dunque, leggevo sul testo della Negri “tutte le mamme hanno il latte” che i casi in cui lo stesso venga a mancare o non è sufficiente a nutrire neanche x un breve lasso di tempo un neonato, fortunatamente, sono rarissimi, nonchè legati a particolari patologie, tra le quali l’ipotiroidismo…eccoci al dunque: io ho sofferto x anni, a mia insaputa, di una forma di ipotiroidite autoimmune (credo sia definita di Ashimoto), il quadro clinico non è disastroso, presento “solo” un tsh elevato, ma che non ha mai superato i 6.6, mentre ft3 ed ft4 sono pienamente nella norma, da almeno 2 anni sono in terapia con eutirox da 100 ml ed i valori del tsh sono rientrati nella norma…può questa cosa incidere sulla capacità di allattare, sulla produzione del latte o sulla salubrità dello stesso?! Attendo con ansia vostre notizie, ci conto, con affetto ed apprensione, Roberta

Rispondi

×

Login

1

cara roberta sono mamma di due gemelli di 15 mesi.per cominciare vorrei dirti che la cosa più importante è che tu stia tranquilla. mi rivedo nelle tue parole! un anno e mezzo fa avevo le tue stesse ansie e paure. i miei bimbi rischiavano di nascere prematuri, e come te ero preoccupata per l’allattamento perchè desideravo allattarei,ma chi stava intorno a me finiva sempre con lo scorasggiarmi dicendomi che non avrei avuto abbastanza latte o che avrei partorito prima del termine perchè i gemelli nascono sempre prima. Vuoi sapere come è andata? Ebbene i miei bambini sono nati alla 38^ settinana, col cesareo d’urgenza,dopo un travaglio di 6 ore, sono sani e hanno pesato 3,200 kg e 2,830 kg! per quanto riguarda l’allattamento ,latte ne avevo anche troppo.

se instaurerai una buona intesa col personale dell’ospedale dove andrai a partorire, vedrai che andrà tutto bene! sii determinata, ma ragionevole, io per esempio alla fine ho scelto di non allattare perchè mi pesava troppo,non stavo tanto bene. però ho amiche che hanno allattato i gemelli fino all’anno di vita. puoi farcela anche tu!

ti faccio tanti tanti auguri!

0

ciao Roberta, i potenti mezzi di internet hanno dato i suoi frutti. Ho ricevuto dei messaggi da colleghe ostetriche che spero ti possano aiutare; fammi sapere  un abbraccio Ilaria

cara Ilaria, puoi dire alla mamma con cui sei in contatto di chiamare Gabriellaal numero di Vita di donna 333 9856046 o tramite mail.gabriella.pacini@… è consulente IBCLC e conosce bene la situazioneromana.

Per Ilaria credo di avere un video interessante. La mamma che vedete con legemelle, è una grande attivista di un associazione fondata qui a Tolosa proallattamento, della quale faccio parte come ostetrica. è un video amatoriale,girato dalla nonna. Le bimbe in questo video hanno sei mesi ma…sono natepremature. http://www.youtube.com/watch?v=AoD2sRCVUyghttp://www.dailymotion.com/\video/x74pks_maman-fait-du-yoga-et-bebe-regis-fa_fun

 

 

 

 

 

 

0

Ciao Roberta, questa volta non so rispondere alle tue domande ma mi informo e spero di darti delle risposte soddisfacenti.

Forse sarò troppo facilona ma perchè se hai così tanti dubbi non cambi ospedale? E perchè fai il cesareo? Non è così raro che i gemmellini nascano spontaneamente…nel nostro ospedale (quast’anno chiudiamo con quasi 1900 parti) nel 2009 abbiamo avuto almeno 5 parti gemmellari spontanei e l’ultiomo proprio l’altro ieri:erano a 33 settimane e stanno tutti bene. Mi sa che ti ho aumentato i tuoi dubbi ma ho dei punti di domanda nella tua storia! A presto Ilaria

2

Roberta, in alcuni casi, in concomitanza di alcune infezioni materne è possibile che il personale sanitario non somministri al neonato il latte materno, poichè contaminato, ma questo non toglie che risolta l’infezione, la madre non possa allattare il proprio bimbo; ad ogni modo anche se il latte non viene somministrato è necessario che la mamma stimoli il seno ed estragga il latte, per assicurare una buona lattazione futura.

Non so quale sia stato il problema della tua amica, ma dubito che al giorno d’oggi in una struttura pubblica si neghi ad una mamma il tiralatte e la possibilità di somministrare (salvo eccezioni) il latte materno al neonato.

Detto questo esistono varie associazioni che tutelano i diritti del malato e se veramente le cose stanno come da te riportato mi pare ci siano gli estremi per andare a fondo a quanto accaduto.

Allattare due gemelli è possibile e naturale, molte mamme che conosco hanno allattato con successo anche tre gemelli, l’importante è essere ben sostenute da chi ti circonda, perchè se è naturale, non è detto che non costi fatica.

Vedrai che andrà tutto per il meglio.

 

2

ciao innanzitutto in bocca al lupo… io sono una mamma di tre maschietti, di cui due gemelli (bicoriale biamniotica) nati il 6 agosto.

purtroppo non sono in grado di rispondere alla questione sull’ipotiroidismo e magari altre mamme ti sapranno dire meglio, se così non fosse hai provato a fare un giretto anche su www.ilmondodeigemelli.org , ci sono mamme della tua zona che potrebbero consigliarti meglio.

i miei sono nati di 2,7 kg e 2,8 kg, il primo era podalico e quindi ho fatto il cesareo a 38w e dopo un’oretta di osservazione in incubatrice me li hanno attaccati insieme.

Tuttora allatto eslusivamente con il mio latte entrambi e si avvicinano ai 7 kg.

Ti posso dire che il giorno prima sono nate due bimbe (monocoriale-biamniotica) di 1, 4 e 1,7 kg e la mamma era di 35w. ecco non hanno fatto un giorno in terapia intensiva neonatale e la mamma ha tirato il suo latte e allattato le piccole. Ovvio che era stata praticata la terapia per la maturazione polmonare perchè questo tipo di gravidanze sono considerate a termine a 36 settimane ma raramente le raggiungono.

Mi sembra assurdo che in un nido si rifiutino di dare il latte materno ai bimbi, al massimo danno delle aggiunte di latte artificiale per evitare cali di peso importanti e anche per dare tempo alla mamma di riprendersi!!!