Bullismo a tre anni

ciao. aiutatemi con i vostri consigli. mio figlio ha 3 anni, ha iniziato la scuola materna a settembre 09 e da subito un suo coetaneo ha iniziato a fargli dispetti a raffica. hanno sviluppato un rapporto molto stretto di lotte, spintoni e dispetti. il punto è che mio figlio non è per nulla dispettoso e cerca solo di difendersi, l’altro gli è sempre addosso.

oltre al fatto che mio figlio così non impara nulla delle attività che gli altri bimbi fanno con i colori, le forbicine, la colla e quant’altro, appunto, il fatto è che mio figlio torna a casa e a volte piange e dice che “è stato luca” e anche di notte si sveglia urlando nervoso e poi piange e dice che è colpa di luca.

ne ho parlato con le maestre ma loro dicono di non preoccuparsi, che è normale.

io invece mi preoccupo perchè mi sembra che mio figlio esca molto frustrato da qs amicizia. che posso fare? cercare di parlare con i genitori di luca? e cosa gli devo dire?

aiutatemi!

Rispondi

×

Login

0

Cara Omi,

se ti va leggi il post che ho da poco pubblicato sul blog qui a fianco. Il libro di cui parlo “Oscar&CO – non mi fai paura!” è proprio sul bullismo! come leggerai anche mio figlio è come il tuo e spesso torna dalla scuola materna (primo anno) piuttosto triste per questi due bambini che a dir sua lo trattano male. La maestra in effetti me l’ha confermato e lei dice che è spesso venuta in suo soccorso. Io da parte mia credo che faccia tutto parte della crescita dei nostri figli e che anche quelli più prepotenti vadano sì corretti ma non incasellati per forza nel ruolo del “cattivo”, altrimenti poi lo saranno sempre. Il libro mi ha aiutato a trovare altre parole da dire a mio figlio quando torna con questi racconti. Forse tuo figlio comunque subisce il fascino di questo bambino, perchè lo considera più forte, magari puoi iniziare a dirgli di lasciarlo un po’ perdere di fare amicizia con altri bimbi. Puoi anche chiedere alle maestre di aiutarlo a staccarsi un pò. Non è bello che lui ne soffra anche di notte! Puoi anche sentire cosa Luca racconta ai suoi genitori, ma non so quanto serva metterli in mezzo, se però sono persone carine e ragionevoli puoi provare a parlare con loro magari. Ahimè alla fine è tuo figlio che deve imparare a risolversi il problema da solo, se per esempio non reagisse più ai dispetti di Luca, magari Luca smetterebbe. Prova a convincerlo a ignorarlo quando gli va addosso. So che è difficile perchè è ancora piccolino per capire tutto, ma l’unico modo che abbiamo noi genitori per aiutarli è spiegando loro a parole come uscire da queste situazioni, sperando che poi mettano in pratica i nostri consigli.

Pipa
1

grazie! ritengo giusto il tuo punto di vista, sicuramente è il bimbo che deve imparare a affrontare questa situazione che troverà poi anche più avanti. ho letto anche il blog e già ordinato in libreria il libretto ‘non mi fai paurà

stasera proverò a dedicare un po’ di tempo a mio figlio proponendogli di non dare importanza a luca, perchè noi abbiamo un sacco di cose più belle da fare e anche  a scuola ce ne sono.

se ti viene in mente qualcos’altro da dirmi  scrivi pure! io leggo tutto, anche questo è un “l’unione fa la forza!!!”

grazie ancora!

omi