Espatrio

salve, ho scoperto casualente questo bel sito, ho letto qualcosa di qua e di la… mi piace molto..

Sto cercando spunti di riflessione su un progetto di espatrio che io con mio marito staimo più o meno pianificando. Abbiamo due bambini 6 e 3 anni. Il grande frequenta la prima elementare.

Qualcuno ha fatto questa esperienza pazza? Noi abitiamo in sud Italia, all’inizi pensavamo anche solo ad un trasferimento da sud a nord, ma più ci pensiamo e più progettiamo castelli enormi O_o

datemi dei pareri, portatemi le vostre esperienze, consigliatemi…

Grazie.

Melinda.

Rispondi

×

Login

1

Ciao Melinda, benvenuta!

Sono la creatrice di questo sito, io ho iniziato la mia pazza esperienza di espatrio ad Agosto scorso. Vivo in California adesso. Sul mio blog, qui a fianco in colonna, trovi un po’ di mio post su questi mesi…sono stati molti intensi ma bellissimi. Insomma, nessun rimpianto. I miei figli hanno 6 e due anni come i tuoi…il mio grande ha iniziato la prima qui, non sapeva una parola di inglese ora comunica piuttosto bene..

è dura all’inizio ma poi i bambini imparano in fretta. Bisogna tenere duro i primi mesi. 

Hai già progetti concreti? comunque se hai qualche domanda specifica falla pure…

in bocca al lupo!

 

Pipa
0

Che bella testimonianza positiva!!! Ti invidio davvero! Purtroppo se non sei una cima, oppure non hai un titolo richiesto all’estero, la vedo dura! 🙁 io e mio marito abbiamo molta esperienza in settori pressoché inesistenti negli Stati Uniti, ma anche nel resto d’Europa… Forse mio marito un po’ meno, ma pensiamo anche: perché investire in una persona italiana quando c’è tanta gente del posto altrettanto qualificata che cerca un lavoro?

Io ho ancora tanta voglia di rimettermi in gioco, soprattutto per i miei bambini, ai quali voglio dare più chances… quindi non mollo… 

0

Ciao, anche noi ci stiamo seriamente pensando visto che al 90% mio marito avrà la possibilità di avere lavoro e green card in California. Ti dirò che io sto bene anche qui ma sicuramente sarebbe un’esperienza bellissima. Sto cominciando a cercare informazioni e la cosa è  impegnativa ma fattibile, anche se nel mio caso visto che si andrebbe oltreoceano le differenze rispetto a qui sono tante. Il lavoro mio marito l’avrebbe, certo e ben retribuito, altrimenti io sinceramente non mi muoverei. Ma in rete ho trovato un sacco di racconti di famiglie anche con bambini molto incoraggianti, quindi in bocca al lupo!!!!!

Adesso Pipa mi leggo il tuo blog, visto che noi andremmo a Los Angeles!!

0

Grazie, ragazze!!! Io ce la metterò tutta. Voglio realizzare questo sogno per i miei bambini…. Posso farcela. Voglio farcela… I vostri consigli li accolgo come delle piccole speranze! Sono convinta che una porta si aprirà prima o poi! 🙂 grazie ancora!!!

0

ciao…. è molto che manco… solo adesso sto ricominciando ad accendere il pc…. noi l’abbiamo appena fatto!!!! a novembre è nata la mia seconda piccolina e mio marito è partito due settimane dopo per la svizzera tedesca… e con la ifne dell’anno scolastico ci trasferiamo tutti!!!! Per ora facciamo la spola, io sto in italia con le piccole e di quando in quando salgo per due o tre settimane in modo da iniziare a sistemare un po’ di cose e quando nn salgo io torna lui… l’interregno è durissimo per la lontanaza e per il fatto che io mi trovo comlpetamente sola con due bimbe piccole(4 mesi e 4 anni e mezzo)….la cosa fondamentale credo sia che almeno uno di voi trovi un lavoro…a riuscirci sicuramente per i bambini è una buona cosa… certo la destinazione va pensata bene di questitempi… in bocca al lupo e…facci sapere!!!! ps per Pipa… hai dei consigli da darmi????

0

ciao,

la signora che ci ha tentuto un corso di aggiornamento di inglese ci ha indicato quetso sito con il quale lei ha trovato un’opportunità di lavoro in toscana e da lì si è organizzata il suo trasferimento da New York all’Italia.ci sono 1000 lavori disponibili in tutto il mondo:

http://www.craigslist.org/about/sites/

può essere un punto di partenza….

in bocca al lupo

Bene
0

grazie per il tuo commento, davvero! 🙂 no, purtroppo è solo un grande sogno che rincorriamo ma che temiamo di perdere per strada un po’ per via della paura un po’ per il lavoro, un po’ per l’età (nostra soprattutto, anche se non esagerata, ma superiamo i 30 abbondantemente). Non abbiamo alcun contatto concreto al momento, svolgiamo due lavori assolutamente poco richiesti all’estero. Ma non ce la facciamo a rassegnarci all’idea di restare qui. Sto anche pensando di investire i prossimi tre anni in una laurea in scienze infermieristiche, che sicuramente porta qualche occasione in più… 

Forse invece dovrei farlo… bho!