Francesco….

eccomi , anzi eccoci qui: dopo 13 giorni d’ospedale, di nuovo a casa. Vi avevo raccontato del febbrone di mio figlio, diagnosticato come una semplice influenza che … deve fare il suo corso. Invece il decreto del pediatra al p.s. è stato molto più problematico: polmonite! e neanche recente. Mi lamentavo, se vi ricordate, anche della tosse persistente di mio figlio, che non ci faceva dormire la notte. Ben due medici diversi me l’hanno curata come tosse allergica. Bene, bene. Il pediatra ha detto che era tosse già da polmonite, e che meno male che poi gli è scoppiato il febbrone, altrimenti neanche sarebbe uscita fuori sta cosa. L’infezione, abbastanza estesa, riguardava l’intero polmone destro; il piccolino ha dovito subirsi un cateterino nel braccio per tutto il tempo del ricovero, prelievi sanguigni per ben tre volte e … una bella dose di spavento. All’ospedale San Paolo di Napoli sono tutti stati magnifici, dai medici, alle infermiere, alle guardie, gentili e molto molto comprensivi. C’ra una ludoteca dove abbiamo passato gran parte del tempo, con tantissimi giochi, che alleviavano la noia dei piccoli pazienti e….dell’ottimo cibo. Il piccolino è ancora provato dall’esperienza, l’altra bimbetta mia la sera quando andiamo a dormire, mi chiede se devo tornare all’ospedale ma….tutto è passato. Francesco adesso sta bene, deve stare sotto srtretto controllo pediatrico (lo stesso pediatra che mi curava la tosse allergica) e deve assumere qualche vitamina. Insomma ci siamo resi un bello spavento, e vi consiglio: mai, mai trascurare una sempplice banale tosse!!!! un bacio a tutte.